Dal libro al film: alcune delle più recenti rielaborazioni cinematografiche

Sarà vero che il libro è sempre più bello del film? Questione di gusti o di sceneggiature realizzate male? Dalle pagine al grande schermo è facile rovinare tutto! E se accadesse il contrario? Dal libro al film tutto può accadere…

Maggiore è il numero di fan dell’opera, tanto più insistenti saranno le pretese di trasporre in modo fedele la storia. Tali aspettative tuttavia vengono facilmente disattese: il passaggio tra un medium e l’altro comporta pesanti modifiche agli elementi dell’opera, nella narrazione, nella funzione e nel numero di personaggi. Il regista inoltre tende a reclamare un’autonomia creativa nella nuova opera.

Risultati immagini per via col vento

Il tentativo meglio riuscito risulta Via col vento (Gone with the Wind), un film diretto da Victor Fleming nel 1939 riconosciuto come uno dei film più famosi della storia del cinema, ha stabilito dei record che rimangono tuttora insuperati. La sceneggiatura è tratta dal romanzo omonimo di Margaret Mitchell, vincitore del premio Pulitzer. La lavorazione del film fu molto complessa e travagliata: richiese circa due anni per poter essere realizzato. Proprio la grandiosità e il  successo rendono questo film una pietra miliare nella storia del cinema. 

Il romanzo è stato scritto nel 1936 da Margaret Mitchell, fu un vero caso editoriale senza precedenti: quasi 180.000 copie vendute in quattro settimane! 

Venne inoltre tradotto in 37 lingue e le ristampe vengono continuamente aggiornate. 

Il romanzo è un potente affresco storico-melodrammatico, che unisce alle vicende dei protagonisti la tragica realtà della storia americana. Una delle critiche mosse al libro e al film, infatti, riguarda il tentativo fin troppo riuscito di appoggiare i valori di un mondo scomparso durante la guerra civile. Via col vento rappresenta la nostalgia per tutto ciò che è perduto e la difficoltà di vivere la cruda realtà di ogni giorno, espressa nell’intreccio amoroso dei protagonisti. 

Una piccola curiosità:

Lo stesso produttore David O. Selznick si mise ad implorare la scrittrice del romanzo, Margaret Mitchell, di poter dare qualche suggerimento in merito alla produzione del film, per evitare che, anche scenograficamente, non si discostasse troppo dall’ideale del libro. La stessa autrice, persona molto riservata, si mise a dare qualche consiglio in merito al design del modello di Tara, che però venne ignorata. Da quell’esperienza, decise di non collaborare più, rifiutando ogni commento su qualsiasi aspetto della produzione.

 

Ma quali sono invece le più recenti rielaborazioni cinematografiche che hanno riscosso molto successo?

Risultati immagini per tuo simon

Tuo, Simon dal libro di Becky Albertalli 

Il diciassettenne Simon, omosessuale, non ha ancora detto ad amici e parenti di essere gay. Online si innamora di un ragazzo, che scopre essere uno studente del suo stesso liceo.

Il film, al secondo giorno di proiezione ha incassato 11,5 milioni di dollari, esordendo al 5º posto al botteghino del weekend. Si è aggiudicato vari riconoscimenti come il Movie & TV Awards e il Teen Choice Awards. «Un romanzo di formazione in cui ogni ragazzo si identificherà.»

Dice la “SCHOOL LIBRARY Journal” e sembra essere proprio così, infatti il libro ha spopolato tra i teenagers. Il libro tratta un tema importante e attuale: l’amore nascosto dietro alle email, il conoscersi attraverso internet, conoscere tutti gli aspetti più intimi di una persona via chat. 

Risultati immagini per wonder

 

Wonder, dal libro di J. R. Palacio

Wonder è un film del 2017 diretto da Stephen Chbosky, con protagonisti Jacob Tremblay, Julia Roberts e Owen Wilson.

Auggie, nato con una rara malattia, si trova ad affrontare la scuola per la prima volta. L’amore della sua famiglia e una grande dose di coraggio lo aiutano a trovare il suo posto nel mondo e nel cuore dei compagni di classe.

Il film ha ricevuto recensioni positive da parte della critica e del pubblico, con molti elogi per le prestazioni, la regia, la scrittura e la colonna sonora di Tremblay e Roberts e ha incassato 305 milioni di dollari in tutto il mondo con un budget di 20 milioni di dollari. Al 90 ° Academy Awards, il film è stato nominato per il miglior trucco e acconciature. In un’intervista, l’autrice racconta che l’idea di Wonder nasce da una sua esperienza personale: un giorno al parco, insieme ai figli, incontra una bambina affetta dalla Sindrome di Treacher Collins e la sua prima reazione è quella di alzarsi di scatto dalla panchina e allontanarsi, per timore che il figlio minore possa spaventarsi e dire un commento spiacevole. Il profondo turbamento seguito al suo comportamento insensibile l’ha spinta a scrivere il romanzo. 

La rubrica TuttoLibri de La Stampa ha accolto positivamente l’uscita del libro in Italia definendo “strabiliante” la scrittrice per il tono “sincero, pieno, efficace, senza il minimo di retorica o scontatezza”. 

Per l’articolista M. C. Carratù de la Repubblica il libro di R. J. Palacio è capace di evocare una “sfida epocale”: quella di essere se stessi in un mondo avverso. Negli Stati Uniti è rimasto in classifica per 56 settimane e ha raggiunto la prima posizione nella sezione dei “children middle-grade” del New York Times best-sellers. 

Risultati immagini per the help film

The help, dal libro di Kathryn Stockett

Siamo a Jackson (Mississippi), nell’estate del 1962. Eugenia Skeeter Phelan torna a casa dopo aver frequentato il college, la sua intenzione è quella di diventare una scrittrice, ma nota che nel frattempo le sue amiche hanno messo su famiglia.

Questo però non blocca il suo sogno, che potrebbe diventare realtà quando inizia a lavorare con la sua migliore amica Minny e con Aibileen, una domestica di colore, a un progetto importante. Il film ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali, tra i quali spicca il Premio Oscar ad Octavia Spencer come oscar alla miglior attrice non protagonista. Il film si è rivelato subito un successo negli Stati Uniti, paese in cui ha incassato più di 160 milioni di dollari. Non ha riscosso lo stesso successo nel resto del mondo, dove ha incassato circa 40 milioni di dollari.

Spesso trattato con paternalismo, il tema del razzismo è qui affrontato da un’angolazione inedita. Da tre donne, due nere e una bianca, che nella lotta contro la discriminazione di razza si posizionano anche come femministe. Essere nera, antirazzista e femminista è un atto rivoluzionario nell’America di quegli anni, ma altrettanto complicato è essere bianca, antirazzista e femminista.

L’aiuto è il primo romanzo della Stockett, la cui stesura ha richiesto ben cinque anni. Inizialmente rifiutato da numerosi agenti letterari, il romanzo è stato pubblicato nel 2009 in 35 paesi, diventato ben presto un best seller.

Le tre protagoniste del libro iniziano a dar voce a storie che nessuno aveva voluto ascoltare fino a quel momento, raccontando cosa significa per le donne di colore essere al servizio di donne bianche, subendo trattamenti crudeli, ma a volte anche dolci. Loro trovano il coraggio di raccontare la frustrazione, il dolore, la rabbia che si prova a non avere diritti, e tra la paura di essere scoperte e la voglia di fare qualcosa per se stesse e i loro figli, rischiano tutto.

La scrittrice Kathryn Stockett ci parla di qualcosa che adesso tutti conosciamo, ma che comunque ci tocca nel profondo, facendoci stare dalla parte delle donne che hanno dovuto subire, che non si sono potute ribellare, che hanno perso tutto, ma alla fine un po’ hanno anche vinto la battaglia per i diritti umani.

Risultati immagini per assassinio sull'orient express

Assassinio sull’Orient Express, dal giallo di Agatha Christie 

Uno dei riconoscimenti maggiori che ha ottenuto è  il Saturn Award per miglior film thriller, ha incassato 14,6 milioni di euro (solo in Italia). 

Sullo sfondo degli anni Trenta, dell’Art déco e del turismo esotico, Hercule Poirot scova colpevoli e sonda le sottili meccaniche criminali. Atteso a Londra con urgenza, trova sistemazione sull’Orient Express. Ma un omicidio interrompe i suoi piccoli piaceri, la lettura di Dickens e la simmetria delle uova la mattina. Mister Bouc, il direttore del treno chiede a Poirot di risolvere il caso. Bloccato con tredici passeggeri il celebre detective improvvisa un’indagine che lo condurrà dove nemmeno lui aveva previsto…

Assassinio sull’Orient Express è uno tra i più famosi romanzi gialli di Agatha Christie. 

Durante la dittatura fascista, in Italia, le opere di molti autori polizieschi anglosassoni vennero pubblicate in traduzioni inattendibili, caratterizzate da pesanti tagli e manipolazioni. Ciò avvenne in parte per una scelta editoriale volta al contenimento dei costi, e in parte per obbedire a precise direttive politiche da parte del regime, di carattere moralistico o razziale; solo nel 1987 venne pubblicata la prima traduzione integrale, a cura di Lidia Zazo, molto più fedele al testo originale.

Risultati immagini per the danish girl

The danish girl, dal libro di David Ebershoff

Giovani e talentuosi, Einar Wegener e sua moglie Greta vivono nella romantica Copenaghen di inizio Novecento, accomunati dalla passione per l’arte: paesaggista lui, ritrattista molto richiesta lei. Finché un giorno Greta, per completare un ritratto, chiede al marito di posare in abiti femminili. A poco a poco, l’ipnotico pennello di Greta, animata da un’improvvisa ispirazione, e il morbido contatto della stoffa sulla pelle di Einar, lo sospingono in un mondo sconosciuto, mettendo in moto un cambiamento che nessuno dei due avrebbe mai potuto sospettare. Quel giorno il giovane scopre che la sua anima è divisa in due: da una parte Einar, l’artista malinconico e innamorato di sua moglie, dall’altra Lili, una donna mossa da un bisogno di vivere. E Einar si trova di fronte a una scelta radicale: decidere quale delle due sacrificare… 

È un film di genere biografico, drammatico del 2015, diretto da Tom Hooper, uscito al cinema nel 2016 è stato presentato in concorso alla 72ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Ha riscosso talmente tanto successo da arrivare al Premio Oscar e al Golden Globe per migliore attore di un film drammatico a Eddie Redmayne.  

”The Danish Girl” di David Ebershoff è un romanzo seducente e profondamente umano sui lati oscuri e misteriosi dell’amore e della sensualità; non solo ci racconta una storia vera, che mostra l’importanza di esprimere se stessi incurante delle imposizioni sociali, ma ci immerge in un romanzo unico! 

 

Passiamo ora alle serie tv… 

Risultati immagini per 11 22 63

11/22/63, dal romanzo di Stephen King

Cambiereste il corso della storia se ne aveste la possibilità, a dispetto delle conseguenze? Se lo chiede il re della letteratura horror, Stephen King nel romanzo “11/22/63” . Il titolo fa riferimento a una data storica: il giorno in cui fu assassinato il Presidente degli Stati Uniti d’America John Fitzgerald Kennedy. La trama di “11/22/63” ruota intorno alla storia di Jake Epping, un trentacinquenne del Maine, che arrotonda lo stipendio da insegnante dando lezione in una scuola per adulti. Un giorno uno degli studenti gli lascia un tema in cui racconta i raccapriccianti eventi di una notte di cinquanta anni prima in cui l’uomo, tale Harry Dunning, allora bambino avrebbe assistito all’uccisione da parte del padre di sua madre, sua sorella e suo fratello. Lui se la sarebbe cavata scappando dal luogo del delitto. Qualche tempo dopo Al, un amico di Jake Epping che gestisce la tavola calda locale, gli rivela che il magazzino del suo ristorante è un portale al 1958, l’insegnante si lancia in una folle missione per cercare di prevenire l’assassinio di Kennedy. Inizia così la nuova vita di Jake. 

In pratica gli ingredienti ci sono tutti perché Demme possa fare di “11/22/63” un interessante thriller fantascientifico. Il regista statunitense dovrebbe scrivere, dirigere e produrre il film. 11/22/63 è un romanzo di fantascienza scritto da Stephen King, tratta il tema dei viaggi nel tempo e dell’assassinio di John Fitzgerald Kennedy (la data riportata nel titolo del romanzo è infatti quella dell’omicidio del Presidente). 

Il libro rappresenta una svolta nella produzione letteraria di King: considerato più che un romanzo di fantascienza, un romanzo storico per l’ambientazione nel passato, la cura dei dettagli, le informazioni che fornisce sulla vita quotidiana, la mentalità dell’epoca, la tecnologia. Ha ricevuto grandi apprezzamenti dai maggiori quotidiani americani.

Risultati immagini per hill house

Hill House, dal libro di Shirley Jackson

La prima stagione prende ispirazione dal romanzo del 1959 L’incubo di Hill House di Shirley Jackson in quanto altera l’effettiva identità dei personaggi, ed è stata pubblicata su Netflix il 12 ottobre 2018. Il 21 febbraio 2019, viene rinnovata per una seconda stagione, basata sul romanzo del 1898 Il giro di vite di Henry James e prevista per il 2020.

La serie racconta la storia di un gruppo di fratelli che, da bambini, hanno trascorso un’estate in quella che in seguito sarebbe diventata la casa infestata più famosa del paese. Ora adulti e costretti a stare di nuovo insieme di fronte alla tragedia, la famiglia deve finalmente affrontare i fantasmi del loro passato, alcuni dei quali sono ancora in agguato nelle loro menti, mentre altri potrebbero nascondersi nell’ombra. Su Rotten Tomatoes, la prima stagione ha ottenuto un punteggio di approvazione del 94% basato su 16 recensioni. La sintesi dei giudizi dei critici riportata sul sito, recita: “The Haunting of Hill House è un’efficace storia di fantasmi la cui costante e crescente attesa è soddisfacente quanto la sua agghiacciante ricompensa.”

L’incubo di Hill House è un romanzo di Shirley Jackson considerato un capolavoro della narrativa horror e non solo, ed è stato spesso avvicinato al Giro di vite di Henry James per affinità di temi e di soluzioni narrative. Nel suo saggio Danse macabre, Stephen King ha trattato del romanzo, dichiarandolo come una delle sue maggiori influenze. Chiunque abbia visto qualche film del terrore, con al centro una costruzione abitata da sinistre presenze, si sarà trovato a chiedersi almeno una volta perché le vittime di turno non optino, prima che sia troppo tardi, per la soluzione più semplice – e cioè non escano dalla stessa porta dalla quale sono entrati, allontanandosi senza voltarsi indietro. A tale domanda questo romanzo fornisce una risposta

Attraverso il suo profilo Twitter, Stephen King ha dichiarato di amare questa serie, parlando addirittura di “autentico capolavoro”. Ha anche detto che Shirley Jackson sarebbe stata fiera di questo adattamento, quindi perché non acquistare il libro e vedere anche la rielaborazione cinematografica?! 

 

Sara Ferraro

Sara

Ciao, sono Sara. Frequento la V C del liceo classico Umberto I.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *